Cosa ti racconta un albero?

martedì 4 dicembre 2012

Alberi monumentale del Lazio- Ju Pieje ‘e ‘a casa-





Vi avevo promesso la recensione di questo libro di Valido Capodarca di cui abbiamo pubblicato l'intervista e la bibliografia settimana scorsa (leggi qui) ...beh cosa dirvi? Ne avrei troppe da raccontarvi quindi ho deciso di mettere uno degli alberi che mi ha colpito (ma è stato difficile scegliere tra moltissime storie tutte interessanti) qui c'è la fotografia e  poi lascio parlare Valido riportando un suo post con relativa foto. Vi ricordo che questo libro di cui sono rimaste solo 300 copie è in esaurimento...(per info leggere in fondo o contattare l'autore). 
Personalmente trovo che sia un libro fruibile da tutti per questo molto interessante, non usa termini tecnici e botanici, questo avvicina molto le persone comuni agli alberi e rende la lettura scorrevole e leggera. Consigliato agli alberofili come regalo natalizio...buona lettura! 
Valentina


Ju Pieje ‘e ‘a casa (il piede della casa)
“Ju Pieje ‘e ‘a casa (il piede della casa), l’incredibile castagno di Capranica Prenestina di 22 metri di circonferenza alla base, così chiamato perché durante la guerra esso era servito da casa a tre famiglie di sfollati che vivevano insieme dentro il fusto dell’albero. Il Castagno, forse bimillenario, è scomparso pochi anni fa, per l’incuria di qualcuno che aveva dato fuoco alle foglie secche raccolte nel castagneto.
Purtroppo la frase è reciproca: anche noi vediamo passare loro.
Il risvolto più triste, per chi scrive di vecchi alberi, come di vecchi uomini, è proprio di “vederli passare”. Ecco alcuni esempi.
Quando, nel 2008, pubblicai “Alberi monumentali delle Marche”, che avrebbe dovuto essere solo un aggiornamento di “Marche, 50 alberi da salvare” del 1984, ben 16 dei 50 alberi erano scomparsi nei 24 anni trascorsi e, nei 4 anni già trascorsi dal secondo libro, ne sono già spariti 4 su 100.
Il libro “Alberi Monumentali del Lazio” era già pronto per la stampa nel 1990, col titolo di “Lazio, 60 alberi da salvare” ma, nell’attesa di veder pubblicato il libro, i miei 60 amici continuavano a morire, e dovevo continuamente aggiornare il libro stesso. Quando, finalmente, nel 2011, il libro è stato pubblicato, dei 60 alberi ne erano già morti 18 (fra i quali Ju Pieje ‘e ‘a casa) tanto che ho dovuto dedicar loro un apposito capitolo. Va ancor peggio, ovviamente, se si racconta di vecchi uomini.
Nel 1991 pubblicai “Ultime voci dalla Grande Guerra”, testimonianze di 30 fra gli ultimi superstiti della Prima Guerra Mondiale, uomini tutti oltre i 90 anni. Su 30, già 4 morirono nei mesi intercorsi dall’intervista alla pubblicazione, e tutti gli altri, in rapida successione, negli anni successivi, fino alla morte dell’ultimo, nel 2004. Chissà se, fra le ossessioni che tormentano l’uomo, c’è anche quella di non voler essere dimenticati? Con i miei libri, spero di aver dato questa gioia a qualche uomo… e a qualche albero. (Valido Capodarca)
 
 
 Alberi Monumentali del Lazio – Roberto Scocco Edizioni – Macerata 2011 Pagg. 304 - 144 alberi illustrati e raccontati – 270 foto a colori.Prezzo di copertina: euro 30
Il libro è esaurito nelle librerie. Restano disponibili 300 copie, tutte presso l’autore; le stesse verranno fornite con lo sconto del 60%, cioè a 12 euro + 2 euro di spese postali fino al loro esaurimento. Indicare via mail a valido@capodarca.com l’indirizzo dove spedire il libro.