Cosa ti racconta un albero?

giovedì 21 novembre 2013

Cosa racconta un albero?






















Mi si chiede: che cosa ti racconta un albero? E' giusto si deve poter sapere e allora ecco... rispondo. 
Un albero mi racconta tutto quello che il suo silenzio e la sua presenza mi possono suggerire.
Mi racconta, un albero, del mutare delle stagioni e mi insegna a lasciare andare le foglie e i rami secchi, mi racconta della bellezza del vivere lento, con tempi non umani, in uno spazio tempo dove ogni cosa si dilata e ricerca la sua dimensione secondo il suo modo di vivere, il suo punto di vista. Mi racconta del dolore della pioggia, attraverso cui egli stesso beve e dei veleni che dissetandolo lo uccidono, mi racconta di piccole creature che trovano rifugio nei suoi rami, della vita che scorre incessante nonostante la morte , il mal tempo, la sfortuna... l'uomo. Mi racconta anche di te che non sai più ascoltare una voce semplice che parla da millenni nel suo linguaggio più vero, mi dice della sua tristezza per chi si allontana dall'istinto naturale, dal grande libro della vita che ogni giorno è scritto da molteplici entità viventi e apparentemente mute, immobili, senza emozioni e pensieri...
Mi racconta della gioia di una carezza e di un abbraccio che sono scambi salutari di esseri diversi che cercano un incontro nell'invisibile ma non impossibile mondo della cellula. Mi racconta e mi suggerisce storie, poesie, racconti, la vita, una preghiera, mi dice di ascoltarmi e di farmi narratrice di un mondo meraviglioso che sta lì ad attenderci da sempre...

( Valentina Meloni)


Ho chiesto anche a voi cosa racconta un albero, alcuni di voi mi hanno risposto così :

Antonella Marinetti
A me racconta anche la luce... la pace e la serenità e la bontà...

Palma Mantegari ...
E la musica che ci regalano quando il vento gioca fra i loro rami ? Fantastica.
L'albero, il tratto di unione dei 4 elementi, Terra Aria Acqua Fuoco...

Mi racconta di quando gli uomini e gli antichi dei, in un tempo prima del tempo, danzavano sotto la grande quercia, quando uomini e dei erano uniti, e gli uomini sentivano la natura, sentivano il canto degli alberi, sentivano la voce dell'acqua, sentivano il suono del vento ed erano tutt'uno con la terra. Di quando erano saggi e non uccidevano e avvelenavano nostra madre terra, ma erano uniti ad essa tramite il grande albero delle anime. Ora gli alberi sono tristi, sentono che gli uomini non li amano più, sentono solo una grande disperazione e un gran dolore e vorrebbero che gli uomini riprendessero a danzare con gli antichi dei sotto il grande albero delle anime. Ora gli alberi non parlano più con gli uomini, essi non sono in grado di ascoltarli e tutta la loro saggezza verrà portata via dal vento in un altrove dove gli uomini e gli antichi dei danzano ancora sotto il grande albero.


Beh io spero invece, al contrario di quanto afferma Mariano, che gli uomini non smettano di ascoltare gli alberi e di dialogare con gli elementi, spero che ci ritroveremo noi a danzare sotto il grande albero della vita con la saggezza acquisita nel pianeta verde della comprensione reciproca sotto un linguaggio universale che unisca tutti...

E a voi cosa racconta un albero?

Poete dire la vostra qui